Candy CDI 1L949 – Recensione

Ultimo aggiornamento: 04.12.22

 

Principale vantaggio 

Il vantaggio di avere in cucina questa lavastoviglie Candy è quello di ottimizzare al meglio lo spazio disponibile senza però rinunciare a una buona capacità di carico. Dichiara un’emissione acustica di 49 dB e, grazie alla funzione di partenza ritardata, la si potrà azionare anche di notte.

 

Principale svantaggio

Il prodotto non brilla sotto il profilo estetico, dal momento che il design appare poco curato nelle parti visibili; questo, ovviamente, non grava sulla qualità delle sue prestazioni, ma ne rende comunque difficile l’integrazione all’interno degli ambienti domestici arredati con un certo stile.

 

Verdetto: 9.5/10

In virtù di un funzionamento intuitivo e della buona flessibilità nel carico, la lavastoviglie Candy CDI 1L949 riesce ad accontentare chi cerca una pratica soluzione salvaspazio in grado di offrire ottime prestazioni di lavaggio. Sono diversi i programmi tra cui scegliere e, data la sua appartenenza alla classe A+, assicura anche un buon risparmio energetico.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Dimensioni e capacità

Progettata per aiutare l’utente nello svolgimento di uno dei compiti più noiosi in cucina, ossia quello di lavare le stoviglie dopo il pranzo o la cena, la Candy CDI 1L949 è sinonimo di robustezza, efficienza e bassi consumi. Non a caso, l’azienda italiana si è sempre distinta nel settore degli elettrodomestici per l’affidabilità e la qualità dei suoi prodotti, e questa lavastoviglie  non fa eccezione.

Destinata a durare a lungo negli anni e a diventare un alleato insostituibile nelle faccende domestiche, vanta dimensioni compatte per adattarsi agli ambienti più piccoli ed è in grado di scomparire all’interno di un mobile apposito per razionalizzare al massimo lo spazio disponibile, senza causare problemi di ingombro.

I comandi come sempre sono a scomparsa e, pertanto, restano ben celati alla vista, cosa che invece non accade con lo sportello, che è provvisto di un sistema di apertura tramite maniglia. 

Questo piccolo accorgimento, in effetti, si è dimostrato valido sul fronte della praticità ma non in quanto a estetica: le parti a vista, a nostro avviso, non sono il massimo in termini di design e questo potrebbe comportare qualche problema di integrazione all’interno di una cucina contemporanea ben curata nello stile.

Flessibilità nel carico

Questo modello da incasso ha ottenuto molti riscontri positivi da parte dei consumatori, che ne sottolineano soprattutto il buon rapporto tra qualità e prezzo. La resa costruttiva è quella tipica dei prodotti a marchio Candy, ma in più riesce a unire alle ottime prestazioni di lavaggio una buona flessibilità nel carico. 

Può infatti contenere fino a nove coperti, un valore che riesce a soddisfare tranquillamente le esigenze di una famiglia media, grazie anche all’organizzazione intelligente degli spazi interni.

Sebbene i cestelli a disposizione siano solo due, sono progettati in modo da accogliere senza problemi tutti i tipi di stoviglie, anche quelle più ingombranti e voluminose, e non manca all’appello un comodo vano estraibile per le posate realizzato in plastica resistente al calore.

 

Risparmio assicurato

A prescindere dal programma scelto, la Candy CDI 1L949 assicura consumi sempre bassi, dal momento che vanta una classe energetica A+, sia in fase di lavaggio sia durante l’asciugatura, con un consumo annuo stimato di 193 kWh e 2.380 litri d’acqua.

L’elettrodomestico dispone di cinque diversi programmi di lavaggio, non tantissimi ma comunque sufficienti per trattare con ottimi risultati ogni tipo di stoviglia e di sporco. Tra questi, sono da considerare come dei veri e propri plus il programma “ECO” e quello “Rapido”: il primo è pensato per abbattere i consumi di acqua ed energia pur garantendo buone prestazioni in termini di lavaggio e asciugatura, mentre il ciclo rapido ha una durata di soli 24 minuti ed è indicato per piatti e pentole mediamente sporchi.

Non mancano la funzione di prelavaggio, utile per evitare l’essiccazione dello sporco quando i piatti restano a lungo nella lavastoviglie in attesa del lavaggio vero e proprio; il programma specifico per le stoviglie delicate; e quello “igienizzante” che avvia un ciclo dalla durata di 130 minuti a una temperatura di 75°C per eliminare le incrostazioni più difficili e igienizzare i biberon dei neonati. Abbiamo infine la partenza differita per posticipare il lavaggio fino a 24 ore.

 

Sicura e silenziosa

Chiudiamo la nostra recensione rimarcando la notevole silenziosità dell’elettrodomestico, che con i suoi 49 dB non darà alcun problema nemmeno se azionato durante le ore notturne. Per non parlare poi delle sue performance in termini di sicurezza: sebbene il modello non preveda alcun sistema di blocco per la porta, dispone di una valvola antiriflusso, che impedisce all’acqua di scarico di tornare nel cestello, e di un efficiente sistema “Aquastop”, che provvede a bloccare automaticamente il flusso dell’acqua in caso di guasto o malfunzionamento.

Per quanto riguarda poi la garanzia, l’elettrodomestico è ovviamente protetto dalla copertura di due anni, ma l’azienda permette di acquistare anche un’estensione fino a 5 anni per una maggiore tranquillità del cliente.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DEJA UN COMENTARIO

2 COMENTARIOS

Antonio

December 4, 2021 at 10:39 am

Ci sono le istruzioni per montare il pannello in legno del mobile cucina? E comunque vi si può installare?

Répondre
ProjectM

December 7, 2021 at 10:42 am

Salve Antonio,

la risposta è sì, nello specifico le istruzioni relative alle dimensioni e all’installazione del pannello estetica in legno si trovano alle pagine 18 e 19 del manuale delle istruzioni della lavastoviglie, e sono corredate di illustrazioni e schemi che riportano le misure.

Saluti

Team LCDG

Répondre