Gli 8 migliori forni elettrici per pizza del 2022

Ultimo aggiornamento: 05.10.22

 

Forno elettrico per pizza – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Il forno elettrico per pizza è un elettrodomestico che non dovrebbe mai mancare nelle cucine degli italiani, soprattutto se si preferisce preparare questo genere di pietanza con ingredienti di prima qualità e senza muoversi da casa. In questa guida all’acquisto analizzeremo nel dettaglio tutte le caratteristiche di questi elettrodomestici in modo che possiate orientare la vostra scelta verso il modello più adatto alle vostre esigenze. Prima di approfondire tali aspetti, però, vi suggeriamo di dare un’occhiata alla nostra classifica, soffermandovi in particolare sui due prodotti che per noi sono il top: l’Ariete 909, realizzato con materiali resistenti e capace di raggiungere altissime temperature per garantire una cottura veloce, costante e uniforme della pizza; e il Severin TO 2058 che, grazie alla capacità di 42 litri, permette di preparare discrete quantità di cibo a fronte di un ingombro ridotto.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori forni elettrici per pizza – Classifica 2022

 

Non è facile scegliere il miglior forno elettrico per pizza, visto che sono tanti gli aspetti da prendere in considerazione. Di fatto, però, ci sono alcune caratteristiche che possono fornire un quadro utile per fare il giusto acquisto. Vediamo qualche esempio dei modelli più apprezzati dagli utenti tra quelli venduti online.

 

 

1. Ariete Forno elettrico per pizza 909

 

Di fronte al dubbio su quale forno elettrico per pizza comprare si può decidere di puntare sull’efficienza e la qualità costruttiva, caratteristiche che ritroviamo nel modello 909 di Ariete.

Questo piccolo elettrodomestico rientra tra i più leggeri e compatti della sua categoria ed è dotato di una pietra refrattaria dal diametro di 33 centimetri che permette di preparare una pizza soffice e fragrante come appena uscita da un tradizionale forno a legna.

Grazie a una potenza di 1.200 watt raggiunge una temperatura massima di 400°C facilmente impostabile tramite il pratico termostato in dotazione, assicurando buoni risultati di cottura in tempi abbastanza rapidi. Estremamente facile da usare, può essere sfruttato anche per cuocere toast, focacce e torte salate, con l’ulteriore vantaggio di poter utilizzare il timer integrato per impostare i tempi di preparazione in base alla ricetta.

L’unico difetto riguarda l’eccessiva delicatezza della manopola per la regolazione della temperatura, che potrebbe rompersi con facilità se non si presta la dovuta attenzione durante l’utilizzo.

 

Pro

Leggero e compatto: In comparazione agli altri modelli presenti in classifica, il forno 909 di Ariete è il più leggero e compatto della categoria, e questo gli consente di trovare posto in qualsiasi angolo utile della cucina senza comportare un ingombro eccessivo.

Pratico: Oltre ad avere un buon rapporto qualità/prezzo, è estremamente facile da usare grazie al termostato regolabile su cinque range di temperatura e al timer integrato che permette di programmare il tempo di cottura delle pietanze.

Veloce: Grazie a una potenza di 1.200 watt, è in grado di raggiungere rapidamente i 400°C per garantire una cottura ottimale e uniforme di ogni genere di impasto.

 

Contro

Manopola: Dai pareri degli utenti si evince una certa delusione in merito alla qualità costruttiva della manopola per la regolazione della temperatura, che potrebbe rompersi facilmente se non si presta la dovuta attenzione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Severin Forno Elettrico ventilato TO 2058

 

Il Severin TO 2058 è ben più di un semplice forno elettrico per pizze, poiché dotato di quattro funzioni di cottura che consentono di preparare diversi tipi di pietanze. Rientra tra le migliori offerte disponibili sul mercato, oltre che per il convincente rapporto qualità/prezzo, per la capienza notevole di 42 litri che lo rende adatto alle esigenze di chi è alla ricerca di un valido sostituto del forno tradizionale.

Oltre ai programmi classici, dispone della modalità ventilata che distribuisce il calore in modo omogeneo in ogni angolo della camera di cottura e dell’innovativa funzione girarrosto per preparare carne e pollo allo spiedo.

Per quanto riguarda la pizza, nella dotazione è inclusa una pietra circolare che, oltre a favorire la diffusione uniforme del calore lungo la base dell’impasto, è in grado di assorbire l’umidità rilasciata dall’alimento per spingere il cornicione a gonfiarsi più velocemente.

La temperatura può essere impostata entro un range che va da 60 a 230°C e, sebbene manchi il grill, selezionando il livello massimo di calore si potrà comunque ottenere l’effetto doratura desiderato.

 

Pro

Versatile: Ideale per chi cerca un elettrodomestico capiente e versatile, il TO 2058 di Severin è un forno elettrico combinato che consente sia la tradizionale cottura statica sia quella ventilata.

Temperatura: Il modello offre anche la possibilità di regolare la temperatura di servizio da 60 a 230°C ed è dotato di un pratico timer programmabile fino a 120 minuti.

Accessoriato: Tra le carte vincenti del prodotto c’è anche la cospicua dotazione di accessori, tra cui spicca in particolare la placca in pietra per la cottura delle pizze e lo spiedo girevole.

 

Contro

Risultati: Il modello permette di sfornare delle buone pizze, ma visto che la temperatura massima non supera i 230°C, siamo ben lontani dall’avere risultati professionali.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Spice Forno elettrico per Pizza Caliente

 

Tra i migliori forni elettrici per pizza del 2022 si colloca anche il Caliente di Spice, uno dei più venduti del momento per il prezzo economico e la buona qualità costruttiva. La resistenza da 1.200 watt di potenza è in grado di raggiungere i 400 gradi necessari per cuocere gli impasti a puntino, che avranno la forma tipica delle tradizionali pizze napoletane grazie alla superficie di cottura dal diametro di 32 cm.

Il modello misura 32 x 35 x 26 centimetri e si fregia di un design curato e avveniristico che lo rende una vera gioia per gli occhi, soprattutto se posizionato a vista nella propria cucina. Inoltre, risulta molto facile da usare anche per chi non ha molta dimestichezza tra i fornelli, e il merito è da ascrivere alla dotazione di un timer con segnale acustico integrato e alla spia che avvisa quando la pizza è pronta per essere sfornata.

Qualche sconcerto in merito al termostato in dotazione, che si spegne prima che il forno raggiunga la temperatura impostata.

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: Il Caliente di Spice garantisce buone prestazioni a fronte di una spesa minima; quindi, se vi state chiedendo dove acquistare un buon forno elettrico per pizza a prezzi bassi l’avete trovato.

Cottura uniforme: Fa affidamento su una resistenza di 1,2 kW per raggiungere velocemente la temperatura ideale e ottenere una pizza soffice e fragrante come tradizione impone.

Design: Assemblato in acciaio e dotato di superficie di cottura dal diametro di 32 cm, propone con la sua linearità un gradevole impatto estetico che saprà arricchire l’arredamento di qualsiasi cucina.

 

Contro

Termostato: L’unico punto debole del prodotto è che la resistenza si spegne quando il forno raggiunge i 300°C, compromettendo di conseguenza la buona riuscita della ricetta.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Tristar Forno elettrico Pizza Maker PZ-2881

 

Il Pizza Maker di Tristar è un piccolo ritrovato di tecnologia e innovazione che deve il suo enorme successo nelle vendite a un prezzo ben proporzionato alla buona qualità costruttiva e alle caratteristiche offerte.

Tanto per cominciare è il modello più piccolo di questa guida all’acquisto, con le sue dimensioni di 42 x 37 x 16 cm e il diametro della superficie di cottura di 30 centimetri. Questo significa che anche disponendo di uno spazio limitato in cucina la sua presenza non sarà di eccessivo fastidio e lo si potrà riporre facilmente all’interno di un mobile o su una mensola senza comportare alcun problema di ingombro.

Certo, bisognerà accontentarsi dell’unica colorazione disponibile (quella nera), ma scendendo a compromessi su questo piccolissimo dettaglio estetico nessuna delle restanti aspettative verrà delusa.

Raggiunge la temperatura ideale in poco tempo grazie alla potenza di 1.450 watt, mentre il rivestimento antiaderente impedisce che l’impasto si attacchi alla superficie di cottura, rendendo al contempo più pratica la successiva pulizia dell’elettrodomestico.

 

Pro

Compatto: Il Pizza Maker di Tristar vanta un design gradevole e compatto che ne permette il posizionamento su un qualsiasi ripiano utile della cucina o all’interno di un mobile senza incontrare difficoltà.

Veloce: Nonostante le dimensioni ridotte, raggiunge una potenza massima di 1.450 watt per garantire velocità e uniformità nella cottura.

Intuitivo: Una volta impostata la giusta temperatura mediante il termostato in dotazione, l’indicatore luminoso avverte quando l’apparecchio è pronto all’uso, così da risparmiare tempo prezioso ed evitare inutili sprechi di energia.

Pulizia: Il rivestimento antiaderente, oltre a impedire che l’impasto si attacchi al fondo, permette una più facile pulizia dell’elettrodomestico.

 

Contro

Timer: Il prodotto non è provvisto di un timer, che avrebbe consentito una migliore gestione dei tempi di cottura delle pizze.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Bestron Forno elettrico per pizza Viva Italia

 

Se oltre alla qualità cercate anche il risparmio, il Viva Italia di Bestron ha tutte le carte in regola per diventare il vostro nuovo alleato in cucina. Ideale per la cottura rapida di pizze e piadine, offre la possibilità di poter riscaldare separatamente o in simultanea le piastre refrattarie poste rispettivamente nella parte superiore e inferiore dell’elettrodomestico.

Non solo, sfruttando la pratica apertura a libro sarà possibile raddoppiare la superficie di cottura in base alle necessità, garantendo un perfetto grip su qualsiasi tipo di superficie grazie ai pratici supporti antiscivolo posti alla base.

Oltre a un termostato per la regolazione della temperatura, impostabile fino a un massimo di 180°C, dispone di un efficiente grill con rivestimento antiaderente per preparare pizze fragranti senza correre il rischio di farle bruciare.

Anche in questo caso manca un timer che sicuramente ne avrebbe reso l’utilizzo più comodo e intuitivo, ma almeno c’è di buono che nella dotazione è incluso un pratico ricettario con tante ricette sfiziose e originali.

 

Pro

Temperatura: Il termostato in dotazione permette di regolare la temperatura fino a un massimo di 180°C, e visto che il forno impiega appena cinque minuti per essere pronto all’uso si evitano lunghe attese e inutili dispendi energetici.

Versatile: Oltre alla possibilità di poter utilizzare le piastre separatamente, si può raddoppiare lo spazio a disposizione sfruttando il pratico sistema di apertura a libro.

Prezzo: Nonostante la buona qualità costruttiva può essere acquistato a un costo molto vantaggioso che non costringe ad alleggerire troppo il portafoglio.

 

Contro

Accessori: La dotazione di accessori è piuttosto scarna, ma considerato il prezzo economico la cosa non dovrebbe sorprendere.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Royal Catering Forno Elettrico per Pizza RCPO-2000-1PE 1

 

La nostra prossima recensione vuole incentivare i lettori all’acquisto del forno per pizza professionale di Royal Catering, che è il più performante e completo della sua categoria. Il prezzo alto non deve spaventare, perché trova giustificazione in una serie di accorgimenti costruttivi volti a migliorarne le prestazioni e l’efficienza. Grazie a questo piccolo gioiellino riuscirete a cuocere diverse tipologie di impasti – quindi non solo pizze ma anche pane, torte e biscotti – in modo veloce e con i migliori risultati di cottura.

La camera interna presenta la tipica conformazione dei forni elettrici professionali delle pizzerie per permettere una distribuzione uniforme del calore sia verso l’alto sia verso il basso, raggiungendo una temperatura massima di 350°C.

Ma le sorprese non finiscono qui, perché grazie al timer con funzione di autospegnimento integrata sarà possibile impostare il tempo di cottura delle pietanze senza pericolo che si brucino, poiché l’elettrodomestico si spegnerà automaticamente una volta terminata la preparazione.

L’ingombro è sicuramente superiore rispetto ai tradizionali modelli per uso domestico, ma viste le ottime performance e la spiccata funzionalità, riteniamo che questo difetto non sia poi così rilevante.

 

Pro

Qualità: Funzionale e resistente, questo forno professionale per pizza supererà tutte le vostre aspettative, permettendovi di raggiungere risultati perfetti con un notevole risparmio di tempo ed energia.

Pratico: Raggiunge una temperatura massima di 350°C ed è dotato di un timer con autospegnimento per programmare i tempi di cottura delle pietanze senza essere costretti a tenere sempre sotto controllo lo stato della preparazione.

Molteplici usi: Con questo elettrodomestico potrete preparare diversi tipi di ricette con cui deliziare i vostri ospiti, dalle pizze napoletane alle lasagne della domenica, fino al pane, alle focacce e a dolci di ogni genere.

 

Contro

Ingombro: Viste le dimensioni notevoli, pari a 56 x 56 x 27 cm, bisognerà valutare attentamente lo spazio disponibile nella propria cucina per evitare problemi di sorta.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. G3 Ferrari Forno Elettrico per Pizza Delizia G1000610

 

Il forno elettrico Delizia a marchio G3 Ferrari è uno dei più costosi della gamma, ma anche il più completo e versatile. I 1.200 watt di potenza assicurano tempi rapidi di preparazione sia che si vogliano riscaldare pizze surgelate sia per quelle preparate in casa a partire da acqua e farina. È pronto all’uso in soli cinque minuti ed è in grado di raggiungere una temperatura massima di 400°C, che può essere regolata su quattro differenti livelli utilizzando il pratico termostato in dotazione.

Un altro optional che in molti hanno gradito è il timer con autonomia di 5 minuti e segnale acustico integrato, che permette di programmare i tempi di cottura per evitare che l’impasto si bruci.

Inoltre, la pietra refrattaria dal diametro di 31 cm assicura gli stessi risultati dei tradizionali forni a legna senza produrre fumo né cattivi odori, e può essere utilizzata anche per cuocere piadine, toast e torte salate. Ah quasi dimenticavamo, nella dotazione sono incluse due palette per pizza e un utile ricettario per sfruttare al meglio tutte le potenzialità dell’elettrodomestico.

 

Pro

Efficiente: Non rientra tra i modelli più economici in circolazione, ma in quanto a professionalità non teme confronti. Inoltre, la particolare conformazione del guscio assicura un buon isolamento termico durante la cottura, evitando l’emissione di fumo e cattivi odori.

Design: Grazie all’estetica essenziale ma ben curata nei dettagli fa una bella figura in cucina, adattandosi senza problemi a qualsiasi tipo di contesto.

Intuitivo: Il suo utilizzo risulta abbastanza semplice grazie al termostato regolabile su quattro livelli differenti (fino a un massimo di 400°C) e al timer con segnale acustico integrato.

 

Contro

Classe energetica: Tra i pochi punti a sfavore di questo modello c’è la sua compatibilità con la classe energetica A, che di certo non è la migliore sul fronte dei consumi elettrici.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Springlane Kitchen Forno elettrico per Pizza Peppo

 

I nostri consigli d’acquisto si concludono con la recensione del forno elettrico per pizza Peppo di Springlane Kitchen, costruito in acciaio inox con rivestimento smaltato per restituire un notevole effetto estetico. Sul coperchio, oltre a due manici termoisolanti per evitare dolorose scottature, è presente un oblò in vetro trasparente che permette di controllare il grado di cottura delle pietanze senza essere costretti ad aprire il forno provocando inutili dispersioni di calore.

Inoltre, sostituendo la piastra per pizza con la padella smaltata dal diametro di 26 cm inclusa nella dotazione sarà possibile utilizzare l’elettrodomestico per cucinare altre pietanze, come omelette e uova.

Raggiunge in pochi minuti la temperatura di 350°C, che può essere regolata su tre livelli tramite il selettore posto sulla parte superiore dell’apparecchio, mentre il timer integrato permette di impostare il tempo di cottura necessario, trascorso il quale verrete avvisati da un segnale acustico. L’unica pecca riguarda la lunghezza del cavo di alimentazione che, essendo di soli 90 cm, costringe a lavorare nei pressi di una presa di corrente o con l’ausilio di una prolunga.

 

Pro

Facile da usare: Temperatura e tempi di cottura si possono impostare facilmente utilizzando le due manopole poste sulla parte superiore del forno, mentre un segnale acustico avvisa quando la pizza è pronta per essere sfornata.

Oblò: Per evitare inutili dispersioni di calore, l’azienda ha dotato il modello di un pratico oblò in vetro trasparente che permette di monitorare lo stato di cottura dei cibi senza bisogno di aprire il coperchio.

Versatile: Non è solo un forno per pizza ma un elettrodomestico multiuso da utilizzare per la preparazione di numerose ricette grazie alla padella smaltata dal diametro di 26 cm inclusa nella confezione.

 

Contro

Filo: Il fatto che la lunghezza del cavo di alimentazione sia di soli 90 cm costringe a lavorare nelle vicinanze di una presa di corrente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere un buon forno elettrico per pizza

 

Sono tante le caratteristiche che un buon forno elettrico per pizza dovrebbe possedere per dimostrarsi all’altezza delle aspettative degli italiani, che sono abbastanza esigenti in proposito. L’amore per questa deliziosa pietanza partenopea e il fatto di poterla mangiare ogni volta che si desidera senza doversi muovere da casa sono due ottimi motivi per dedicare maggiore attenzione alla scelta del modello giusto, obiettivo che potrete raggiungere facilmente leggendo la nostra guida all’acquisto.

Le tipologie

Probabilmente vi starete chiedendo perché acquistare un elettrodomestico apposito per preparare una buona pizza, quando in casa abbiamo già un forno elettrico? La spiegazione è molto semplice: per ottenere ottimi risultati è necessaria una temperatura compresa tra i 300 e 450°C che un forno tradizionale difficilmente riesce a raggiungere, cosa che invece possono fare i modelli elettrici pensati appositamente per questo scopo.

Ovviamente, se si dispone di un ampio terrazzo o un giardino si può anche valutare l’idea di installare un forno a legna come quelli delle pizzerie, ma se confrontiamo i prezzi delle due opzioni risulta chiaro come la scelta più conveniente resti il forno elettrico per pizza.

In commercio se ne trovano di tantissimi tipi e per ogni fascia di prezzo, ma in linea di massima i prodotti ideati per gli utilizzi domestici sono essenzialmente di due tipologie: i modelli rettangolari e quelli a “conchiglia”.

I primi sono molto simili ai tradizionali forni da incasso ma di dimensioni più ridotte, e permettono di cuocere anche due pizze per volta e altri tipi di pietanze. Tuttavia, dal momento che questi apparecchi spesso non riescono a raggiungere temperature abbastanze elevate, la cottura della pizza potrebbe non essere eccezionale.

I forni elettrici a guscio presentano, invece, una struttura circolare pensata per dare all’impasto la tipica forma della pizza napoletana e, anche se possono essere utilizzati per preparare altri tipi di ricette (piadine, toast, panini e torte salate) sono dedicati quasi esclusivamente alla realizzazione di questo alimento.

Rispetto alle versioni rettangolari, presentano dimensioni abbastanza contenute – per la gioia di chi non dispone di molto spazio in cucina – e sono anche meno costosi. Si compongono generalmente di una superficie di cottura in pietra ollare o refrattaria e di una resistenza elettrica che genera il calore e lo distribuisce uniformemente in tutte le parti del forno.

Il principale vantaggio di questi elettrodomestici è la maggiore velocità nella cottura e la diffusione omogenea della temperatura, senza che si verifichi alcuna dispersione termica. Per contro, però, sarà possibile preparare una sola pizza per volta, operazione che in certi casi (per esempio quando ci sono molte bocche da sfamare) potrebbe comportare un immane spreco di tempo ed energia.

 

La temperatura

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, il segreto per ottenere una pizza morbida e fragrante sta tutto nella temperatura. Pertanto, la caratteristica più importante da ricercare in questo tipo di forni è il termostato, che permette di impostare la temperatura in base alle esigenze specifiche.

In ogni caso, è sempre consigliabile controllare che il modello di proprio interesse riesca a raggiungere almeno i 300°C, tenendo presente che maggiore è la temperatura più rapidi saranno i tempi di cottura.

Superato questo scoglio, occorre affrontare la questione relativa al piano di cottura. I migliori modelli dispongono di una superficie in pietra refrattaria o ollare, che assicura una cottura più uniforme senza pericolo che l’impasto si bruci o resti attaccato al fondo.

Funzioni e accessori

Oltre al selettore per la regolazione della temperatura, ci sono altri accessori e funzioni che possono fare la differenza tra un prodotto e l’altro. Uno di questi è sicuramente il timer programmabile, che viene spesso associato a spie intermittenti e segnali acustici che avvisano quando la pizza è pronta.

Un altro grande punto a favore di questi elettrodomestici è che sono piuttosto semplici da utilizzare e anche da manutenere. L’unico accorgimento richiesto è quello di controllare di tanto in tanto il fondo della pizza (soprattutto durante le fasi finali di cottura), sollevandola leggermente come fanno i pizzaioli con la pala.

Proprio per questo motivo, alcuni prodotti offrono in dotazione una paletta per infornare, girare e poi sfornare la pizza senza combinare disastri. Altri optional utili sono: una teglia antiaderente per cuocere le castagne, un ripiano in legno su cui appoggiare la pizza una volta tolta dal forno e, nei modelli rettangolari dotati di più modalità di cottura, lo spiedo per il girarrosto e la leccarda. In più, molti modelli prevedono anche un ricettario che, oltre a spiegare come utilizzare il forno in modo corretto, propone consigli e ricette per dilettarsi in cucina.

 

 

 

Come utilizzare un forno per pizza

 

Quando si parla di pizza il pensiero corre automaticamente a Napoli, che è la patria indiscussa di quello che viene oggi considerato il piatto più povero ma anche più buono del mondo. Se anche voi siete dei veri intenditori della pizza napoletana e state cercando un modo semplice e veloce per prepararla a casa, un buon forno elettrico per pizza vi permetterà di raggiungere ottimi risultati con il minimo sforzo.

Il suo utilizzo non è complicato, ma per saperne di più continuate nella lettura e scoprite come sfruttarne al meglio tutte le potenzialità.

Perché utilizzare un forno elettrico per pizza

A differenza dei forni tradizionali, quelli elettrici per pizza permettono di gestire al meglio la cottura degli impasti. Il principale vantaggio è dato dalla migliore distribuzione del calore grazie alla presenza di elementi riscaldanti sia nella parte superiore sia in quella inferiore dell’elettrodomestico.

In questo modo, oltre a una notevole riduzione dei tempi di cottura, non si correrà il rischio di sfornare una pizza cotta solo parzialmente o troppo secca. In effetti, un’altra caratteristica vincente di questi apparecchi è la capacità di mantenere un buon livello di umidità all’interno della camera di cottura, in modo da favorire la penetrazione del calore fino al cuore dell’impasto, impedendone di conseguenza la disidratazione.

Ma il vero punto di forza dei forni elettrici per pizza è il fatto che sono tarati per raggiungere temperature molto elevate (anche fino a 450°C), che vanno a imitare – per così dire – la dinamica termica dei tradizionali forni a legna.

 

Impostare la giusta temperatura

Arrivati a questo punto sembra evidente come scegliere un buon forno elettrico per pizza dipenda principalmente dalla temperatura di servizio, che deve essere abbastanza elevata. Ora, considerato che un forno a legna tradizionale raggiunge i 500°C, il nostro consiglio è quello di preferire un modello dotato di un termostato interno che permetta di impostare la temperatura da un minimo di 300 a un massimo di 400°C in base al tipo di preparazione.

Un’altra funzione che può tornare utile è il timer, che nei prodotti della migliore marca è spesso associato a spie intermittenti e alla pratica funzione di autospegnimento. In questo modo, si potrà impostare il tempo di cottura richiesto dalla ricetta e tenere costantemente sotto controllo lo stato della preparazione, senza pericolo che la pizza si bruci in caso di distrazioni.

Ingredienti e tempi di cottura

Come già sottolineato, l’autentica pizza napoletana nasce come piatto povero a base di farina, acqua e lievito; quindi, per ottenere buoni risultati è importante utilizzare ingredienti di buona qualità. Inoltre, l’impasto deve lievitare per un certo numero di ore, anche se molto dipende dal tipo di pizza che volete preparare, dalla ricetta che avete seguito, dalla quantità di lievito impiegato e dalla temperatura ambientale.

A ogni modo, il risultato finale dovrà essere un panetto compatto, abbastanza elastico e con una struttura interna abbastanza fitta che permetta alla pizza di crescere e dorare in forno. Per quel che riguarda i tempi di cottura, in genere questi elettrodomestici permettono di cuocere una pizza dal diametro di 32 centimetri in soli 5 minuti grazie alle temperature elevate che raggiungono.

Infine, ci preme precisare che questi tipi di forni presentano anche un piccolo inconveniente: se si esagera con la farcitura c’è il rischio che gli ingredienti trabocchino dai bordi, finendo sulla piastra. Quindi, se non volete ottenere pizze inzuppate di olio e mozzarella, è preferibile utilizzare solo piccole quantità di ingredienti, così da semplificare anche le successive operazioni di pulizia.

 

 

 

Domande frequenti

 

Quanto consuma un forno elettrico per pizza?

Per capire quanto consuma effettivamente un forno elettrico per pizza bisogna tenere conto di vari parametri, a cominciare dalla frequenza d’uso dell’elettrodomestico e dalla potenza, espressa solitamente in watt. A tal proposito, sul mercato si possono trovare modelli che vanno da un minimo di 600 fino a un massimo di 1.200 W, ma considerato che tutti, bene o male, impiegano pochissimo tempo tanto per cuocere quanto per raggiungere la temperatura ideale, l’impatto sugli importi in bolletta sarà minimo.

Quanto tempo ci vuole per cuocere una pizza nel forno elettrico?

Ovviamente, i tempi di cottura dipendono dal tipo di impasto e dal forno di cui si dispone. In linea di massima questi apparecchi, grazie alle temperature molto elevate che raggiungono, permettono la cottura della pizza in soli 5 minuti. In ogni caso, è sempre buona norma leggere con attenzione il manuale d’uso in dotazione per ottenere buoni risultati.

 

Quanto costa un forno elettrico per pizza?

Per quanto riguarda il prezzo, è chiaro che i forni elettrici per pizza professionali richiedono un investimento maggiore, soprattutto se di dimensioni generose e provvisti di camera di cottura bifase; mentre le versioni per uso domestico hanno generalmente un costo più economico e possono essere sfruttati all’occorrenza anche per cuocere dolci, toast, pasticcini e tanto altro.

 

Che differenza c’è tra un forno per pizza e un forno elettrico tradizionale?

La differenza principale riguarda soprattutto la temperatura, che nei forni elettrici tradizionali non supera i 250°C. Quelli specifici per pizza, invece, riescono a riprodurre le condizioni dei forni a legna da pizzeria, raggiungendo – e alle volte superando – i 450°C.

Altra differenza riguarda le dimensioni ridotte della camera di cottura, che si traducono in una diffusione più omogenea del calore che permette di cuocere uniformemente sia la base sia la superficie della pizza.

 

Come funziona un forno elettrico per pizza

Come abbiamo sottolineato, grazie alle loro dimensioni contenute i forni elettrici per pizza sono in grado di raggiungere temperature molto elevate in tempi brevi. Sono costituiti, in genere, da una pietra ollare o radiante che si riscalda velocemente grazie a un’apposita resistenza a serpentina che diffonde il calore in modo omogeneo in tutto il forno per garantire una cottura uniforme degli impasti.

 

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS