Imetec Succovivo Pro 2000 – Recensione

Ultimo aggiornamento: 04.12.22

 

Principale vantaggio

Comoda la presenza della lama che affetta gli ingredienti che così possono essere inseriti per intero nel boccale e poi sono sminuzzati man mano direttamente all’interno.

 

Principale svantaggio

Poco pratico il design che prevede un doppio ingresso per gli alimenti interi e per quelli più piccoli. In ogni caso è necessario ridurre le dimensioni di ingredienti più voluminosi, come le mele o la verdura, perciò i due ingressi occupano spazio senza un vero vantaggio.

 

Verdetto: 9.7/10

Il modello Imetec è proposto insieme a tanti accessori utili che permettono di processare alimenti di consistenze e fibrosità diverse. Un valido aiuto in cucina perché facilita la preparazione di succhi da frutta e verdura, di latte vegetale e di vellutate da ortaggi da cui ricavare salse dense. Il prezzo, specie se in promozione, si rivela adeguato alle aspettative.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Imetec Succovivo Pro, una panoramica

Gli estrattori di succo non sono tutti uguali, alcuni vantano una particolare solidità che gli consente di lavorare ingredienti più difficili. In questo caso, per esempio, si possono processare alimenti ricchi di fibre o con una consistenza più dura, con buoni risultati. Un grande vantaggio questo, perché permette di ottenere il massimo da frutta e verdura per arricchire l’alimentazione di ogni giorno.

In più, la dotazione è ricca di accessori che consente di variare il risultato finale del processo di estrazione. Sono compresi diversi filtri, la cui maglia cambia di grana per ottenere un prodotti più o meno ricco di fibra. Privarsi completamente di questo elemento, per quanto privo di nutrienti, rappresenta un male per la salute del corpo, per questo è necessario non rinunciarvi del tutto. Si può persino processare il ghiaccio, tritandolo finemente per fare gustose granite, aggiungendo succo fresco appena estratto.

Caratteristiche tecniche

La macchina non è particolarmente potente, ma è in grado di processare con efficacia diversi tipi di consistenze, comprese le più dure e le più fibrose. Questo dettaglio depone in favore dell’articolo che risulta davvero versatile e in grado di soddisfare varie esigenze. La velocità mantenuta è sempre molto bassa, si attesta intorno ai 48 giri al minuto, in questo modo non surriscalda la polpa e l’estrazione è lenta e progressiva. Lo scarto è abbastanza asciutto, quindi la maggior parte delle sostanze preziose dei vegetali usati finisce dritta dritta nel bicchiere.

Per assicurare la spinta necessaria anche su materie prime più resistenti come la frutta secca, il motore vanta ben 300 watt. In questo modo la rotazione è costante e non è sottoposta a sforzo eccessivo che potrebbe danneggiare la componente interna. La presenza di ingranaggi in acciaio, all’interno, è un altro elemento che favorisce la complessiva stabilità del dispositivo che così non è soggetto a rotture per colpa di un utilizzo troppo intensivo.

 

Accessori inclusi

La possibilità di variare risultato finale a partire da ingredienti simili è quello che rende molto versatile il modello Imetec. Infatti in dotazione sono presenti ben quattro filtri, con grane diverse per offrire risultati su misura in base al tipo di lavoro desiderato.

Due gli elementi chiave intorno a cui ruota gran parte dell’attenzione: il filtro a maglia stretta e quello a maglia larga. Quel che varia in questo caso è la percentuale di fibra trattenuta durante il processo di estrazione. Se si desidera un succo limpido e quasi trasparente, il primo strumento è ideale. Al contrario, se non si vuole rinunciare a una percentuale di fibra e si preferisce un succo denso, il secondo lascia passare più polpa.

Alcuni acquirenti affermano di poter fare a meno degli altri due filtri. Quello per tritare il ghiaccio potrebbe non essere sempre all’altezza delle aspettative. Anche se rimane un’idea gradevole per rinfrescare gli afosi pomeriggi estivi. Sul filtro beauty molti manifestano non poche perplessità. L’idea è di usare l’estrattore per preparare creme e maschere di bellezza. Peccato che la differenza tra il filtro a maglie larghe e questo sia davvero minima.

 

Come pulire l’estrattore

Come per ogni dispositivo di questo genere, il tasto dolente è rappresentato dalla pulizia delle diverse componenti. Per filtrare bene la fibra e rendere il succo ben limpido e liquido, la disposizione dei pezzi è pensata per trattenere la maggior polpa possibile. Questa fibra si deposita nei forellini dei filtri e potrebbe essere difficile rimuoverla a fondo.

Col passare del tempo, questa fibra si incrosta tra gli spazi più minuti, finendo con intasare il passaggio del succo. Per questo è utile lavare immediatamente dopo l’uso ogni pezzo e lasciarlo asciugare bene prima di rimontare tutte le componenti prima del prossimo utilizzo.

 

Con ricettario

Una volta immersi nel fantastico mondo degli estratti, si aprono le porte a infinite combinazioni di gusto e nutrienti preziosi per la salute. Ma è difficile muovere i primi passi! Qui sono inclusi due ricettari: uno specifico per realizzare le maschere e le creme di bellezza. L’altro propone gustose combinazioni di ingredienti per realizzare succhi freschi e pieni di vitamine da gustare in ogni momento dell’anno.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS