I 10 salumi esteri più noti dai veri intenditori

Ultimo aggiornamento: 04.12.22

 

I salumi regionali sono tanti e spesso eccezionali, ma un vero amante del gusto e dei sapori apprezza la ricerca delle specialità straniere

 

I salumi italiani stupiscono per la loro varietà e la ricchezza delle ricette, ma un vero intenditore apprezza la possibilità di sperimentare ricette diversi e accostamenti insoliti sviluppati fuori dai nostri confini. Spezie, accostamenti, tecniche di lavorazione e tipo di carni sono in grado di dare vita a un universo ricco di sapori e gusti tutti da provare.

Il miglior modo per apprezzare le specificità di altre nazioni è consumarli così come si fa nella zona d’origine. Così il viaggio alla ricerca dei nuovi sapori si trasforma nell’opportunità di scoprire abitudini e stili alimentari diversi da quelli cui si è abituati. Spesso basta dotarsi della giusta attrezzatura, è sufficiente anche una affettatrice economica, per assaporare al meglio i prodotti di maggiore pregio.

 

Prosciutto iberico

Il nostro viaggio attraverso i sapori tipici della tradizione gastronomica parte dalla Spagna. In territorio iberico, Portogallo incluso, la tradizione contadina ha dato vita a salumi di alta qualità, molto ricercati e apprezzati dai migliori intenditori.

È bene comprendere che il prosciutto salato ed essiccato che si produce in Spagna non è tutto uguale e che non ha nulla a che fare con il nostro crudo. Si possono assaggiare specialità tipiche che differiscono tra loro in maniera sostanziale. Jamon Serrano, Pata negra e Jamon iberico sono i primi da cui iniziare il viaggio alla scoperta dei sapori più caratteristici.

 

Chorizo

In Spagna è il caso di farsi conquistare anche dal chorizo, una salsiccia essiccata aromatizzata con paprika in abbondanza, un po’ piccante per chi ama questa varietà. Si consuma anche in Sudamerica dove viene realizzato con spezie diverse, per esempio in Messico si prediligono quelle più piccanti e dal sapore deciso che caratterizzano gran parte della cucina locale. Si utilizza anche per preparare zuppe e insaporire i legumi che così acquisiscono un sapore speciale e più ricco.

Sobrassada

La sobrassada tipica maiorchina ha il pregio di essere spalmabile come la nostra ‘nduja calabra, ma non così piccante. La particolarità legata a questo tipo di salume è di essere tra i pochi impiegati nella preparazione di dolci. Infatti è usato per condire l’ensaimada, la tipica brioche dolce arrotolata su se stessa che si serve a Maiorca come prodotto tipico. L’accostamento tra i gusti dolce e salato rappresenta una vera sfida per i più tradizionalisti.

 

Embutido

Prodotto tipico galiziano, l’embutido si caratterizza per il ricco mix di spezie che si usano per condire la carne e renderla ancora più saporita e piacevole al palato. Si realizza a partire da diversi tipi di carne, questa la sua peculiarità più interessante, incluso il pesce o la carne di pecora, capra o pollo. Il processo di lavorazione prevede anche l’affumicatura oltre all’essicazione e alla salatura per migliorarne la conservazione.

 

Longaniza

Lungo e stretto, questo salume si elabora in Spagna a partire da carne di maiale essiccata e salata. Ha la forma tipicamente ripiegata in due, questo perché è molto lungo e si mette a essiccare appeso dopo essere stato piegato.

Ogni regione della Spagna ne realizza una speciale versione tipica in cui vengono elaborate alcune varianti alla ricetta principale. Il sapore è molto gradevole e la forma allungata e sottile lo rende perfetto come aperitivo o come elemento centrale tra le tapas che si possono gustare nei tipici locali spagnoli che servono birra e un posto a sedere per gli avventori di passaggio.

 

Jambon de Bayonne

Il prosciutto francese Jambon rappresenta una tradizione tipica della gastronomia locale e ottiene grandi riconoscimenti per via della qualità della lavorazione e la selezione attenta della materia prima. La caratteristica principale di questo prosciutto stagionato è di essere prodotto in località costiere e in quantità limitate, da qui la sua particolare ricercatezza e l’attenzione in ogni fase della produzione.

 

Salsiccia di Lione

Il Saucisson de Lyon rappresenta una specialità gastronomica della regione francese d’origini molto antiche. Realizzato in origine a partire da carne d’asino e cavallo, oggi è più spesso prodotto con carne di manzo mista a suino e caratterizzato dal colore scuro. Anche il contenuto di grassi non è eccessivo e questo perché all’impasto si aggiungono cubetti di lardo.

 

Teli

I magiari hanno una tradizione culinaria molto antica e la loro produzione di salumi è rinomata. Il più famoso è il Teli, affumicato e aromatizzato con spezie e aromi. Si impiega l’aglio marinato nel vino prima di processare la carne, poi a questa si aggiungono sale, pepe e paprica che gli conferiscono un gusto speciale. La carne di suino è selezionata e si combinano ad arte parti più nobili e altre più grasse del maiale, così da catturare al meglio ogni sfumatura di sapore.

 

Leberwurst

Si consuma in diverse regioni nordiche, in Ungheria ma anche in Germania, Olanda e Austria. Si caratterizza per la sua ricetta tipica realizzata a partire dalla lavorazione del fegato di maiale o di vitello cui vengono aggiunte delle spezie. La consistenza tipicamente morbida lo rende perfetto per essere spalmato su pane e crostini e il sapore rustico lo rende un perfetto aperitivo da gustare in momenti di convivialità.

Blutwurst

Non un vero e proprio salume, ma un derivato della lavorazione del maiale in particolare del sangue. Così come avviene nella tradizione italiana e in quella di altre regioni in Europa o in altre parti del mondo, il sangue viene cotto e poi insaccato una volta coagulato. Il sapore forte e la sua natura di ricetta di recupero lo rende un prodotto più adatto a chi ama i gusti decisi. Di fatto, è stato riscoperto negli ultimi anni anche per via della capacità di riutilizzare con successo parti meno nobili dell’animale.

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS