Le 8 migliori centrifughe per frutta del 2022

Ultimo aggiornamento: 05.10.22

 

Centrifuga per frutta – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Le centrifughe per la frutta costano poco e in un attimo sono in grado di servire un’ottima bevanda ottenuta dalla spremitura di frutta e verdure freschissime. Si sono affacciate sul mercato già da qualche tempo e ancora tengono testa a elettrodomestici molto più costosi come gli estrattori. Il risultato che sono in grado di assicurare è soddisfacente e aiuta a mantenere una dieta equilibrata e ricca di vitamine e minerali. Assunti in forma di centrifugato, questi preziosi nutrienti rappresentano un toccasana per la salute ma anche un piacere per il palato. Per questo abbiamo selezionato i migliori modelli che permettono di ottenere il massimo vantaggio sotto il profilo della qualità complessiva al prezzo più conveniente. Per esempio, il modello Philips Viva Collection Mod HR1836/00 è perfetto per le famiglie numerose che vogliono concedersi una pausa fresca e sana ogni giorno. Per il Moulinex Centrifuga vitaé MOD JU2000, design compatto ed estrema silenziosità sono i punti forti di un alleato da usare abitualmente in cucina.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 migliori centrifughe per frutta – Classifica 2022

 

Se state cercando la migliore centrifuga per frutta è molto probabile che riusciate a trovare quello di cui avete bisogno in questa classifica. La nostra redazione ha curato con attenzione la classifica dei prodotti più convincenti dal punto di vista del rapporto qualità e prezzo.

 

 

1. Philips Centrifuga Viva Collection Mod HR1836/00 

 

Il nuovo Philips piace perché è molto capiente ed è in grado di processare grandi quantità di frutta e verdura allo stesso tempo. I pareri degli utenti sembrano essere concordi sull’affidabilità dell’elettrodomestico, messo alla prova durante cicli quotidiani di lavoro.

Il design è compatto ma le dimensioni non sono poi così ridotte. Infatti la capienza del vaso è di un litro e mezzo, una gran quantità di succo per chi ha voglia di preparare un drink per tutta la famiglia. La forma è gradevole e compie bene anche una funzione d’arredo mantenendo una posizione in primo piano sul ripiano della cucina.

È possibile scegliere tra la versione con cestello di capacità ridotta e motore da 500W, a un prezzo molto vantaggioso. Oppure si può puntare alla soluzione più capiente, fino a 2 litri e 800W di potenza, anche questa offerta a un buon prezzo. Il sistema di montaggio delle varie parti è studiato in modo da rendere facile l’assemblaggio, così diventa automatico e veloce l’uso quotidiano.

 

Pro

Cestello capiente: Fino a 1,5 litri di frutta o verdura che possono essere processati contemporaneamente per estrarre il succo da bere tutti i giorni.

Design bombato: Anche se di dimensioni generose, riesce bene nel difficile compito di risultare gradevole alla vista e far bella figura sul piano di lavoro.

Corpo in metallo: La scelta dei materiali di alta qualità assicura una buona resistenza all’uso intensivo senza temere presto gli effetti dell’usura.

 

Contro

Pulizia non così immediata: Malgrado il gran parlare della speciale funzione QuickClean, la pulizia delle lame e del filtro non appare così veloce come si vorrebbe.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Moulinex Centrifuga vitaé 200w MOD JU2000

 

Tra le migliori centrifughe per frutta del 2022 questo modello Moulinex fa la sua bella figura soprattutto per via del prezzo molto competitivo e la buona qualità costruttiva complessiva. Si monta e si smonta con facilità, inoltre, rappresenta forse il più economico oggi in circolazione, specie tenendo conto della sua alta qualità complessiva.

Si smonta con facilità e si lava in lavastoviglie per semplificarne la manutenzione. Capienza e potenza non sono tra le più stupefacenti, ma si presta bene a preparare un estratto alla volta senza surriscaldarsi o andare in protezione.

Non è possibile impostare la velocità di rotazione, che è settata solo sul livello 1 e che quasi rasenta i 12.800 giri al minuto. I pezzi che la compongono si staccano facilmente e possono essere lavati in lavastoviglie senza subire danni. Questo dettaglio rende meno noioso prendere in mano la centrifuga ogni giorno o con frequenza costante, per metterla a lavorare per bene.

 

Pro

Tra le più economiche: Il prezzo vantaggioso piace ancora di più se si considera la buona qualità dei materiali usati e del loro assemblaggio sicuro.

Si lava in lavastoviglie: Il lavaggio a macchina semplifica la pulizia dei pezzi rendendo meno gravoso l’aspetto più controverso di questo tipo di elettrodomestici.

Compatta: Le dimensioni e la capacità del cestello non sono tra le più grandi, così da poter preparare poco centrifugato alla volta e non rischiare di disperdere le proprietà della frutta e la verdura. 

 

Contro

Imboccatura piccola: Non è molto veloce inserire la frutta e la verdura fresca perché va prima tagliata in pezzi che possano adattarsi alla bocca d’ingresso.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Duronic Centrifuga per frutta e verdura MOD JE10

 

Non è facile decidere quale centrifuga per frutta comprare, molti modelli sembrano somigliarsi. A volte è arduo comprendere quale sia in grado di rispondere alle proprie esigenze specifiche.

In questo caso è possibile contare su un elettrodomestico che offre una potenza notevole, 1 kW, insieme alla possibilità di regolazione della velocità su due livelli. Questo dettaglio si rivela parecchio utile perché consente di dosare la forza di rotazione delle lame in base al tipo di frutta o verdura da processare.

La scocca è solida e realizzata in metallo, così fa anche bella figura sul ripiano di lavoro in cucina. In acciaio inox è anche il condotto attraverso cui far passare la frutta intera. Le dimensioni dell’imboccatura sono notevoli, 8,5 cm, quindi è possibile inserire gran parte delle verdure e la frutta senza doverla tagliare o sbucciare prima. Una gran comodità che velocizza la preparazione del succo e lo rende un’operazione automatica da fare al mattino.

 

Pro

Economica: Una centrifuga che si caratterizza per i prezzi bassi non sempre si rivela un buon affare, non è il caso di questo modello che invece offre molte caratteristiche interessanti.

Potente: Grazie a 1.000W di potenza, questo elettrodomestico può processare qualsiasi tipo di frutta o verdura senza incontrare difficoltà.

Imboccatura larga: La scocca in metallo e il condotto per inserire gli ingredienti ampio sono le caratteristiche progettuali più interessanti di questo modello.

 

Contro

Pulizia difficile: Si tratta di un difetto comune tanto alle centrifughe come agli estrattori, nemmeno questo modello è in grado di superare il problema.

  Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Severin Centrifuga professionale inox MOD ES 3566

 

Per sapere come scegliere una buona centrifuga per frutta bisogna prima stabilire come usarla. Per esempio, questo modello dal buon prezzo e qualità costruttive interessanti ha il difetto di produrre parecchio scarto ancora umido e quindi ancora utile. Chi ha la pazienza e l’abitudine di riutilizzare gli scarti in cucina, sa che non si tratta di un grosso limite e che quello che rimane dalla lavorazione può poi essere usato per fare dolci o biscotti.

Se non vi spaventa questo aspetto, di seguito vi suggeriamo dove acquistare la centrifuga Severin. A suo merito va detto anche che conta su una certa solidità strutturale, che le permette di processare anche alimenti più duri, come le carote per esempio.

Pur non essendo particolarmente potente, il motore raggiunge 400W al massimo, questo non le impedisce di processare ingredienti diversi, magari facendo più passaggi. Si possono usare le due velocità per lavorare su consistenze più o meno morbide, dosando la potenza. Tra i modelli per uso domestico è tra i più efficaci anche in un contesto semi professionale.

 

Pro

Materiali di qualità: Ampio uso dell’acciaio inox per questa centrifuga che permette di processare alimenti diversi in maniera adeguata alla loro consistenza e assicurando la perfetta igiene.

Meccanica efficiente: La centrifuga non è tra le più potenti in circolazione, ma questo non influisce sulle prestazioni. Va sottolineata la presenza della ventola che raffredda il motore per consentirgli di sopportare bene l’uso intensivo senza surriscaldarsi.

Due velocità: La rotazione può essere regolata al bisogno in base alle caratteristiche e alla consistenza degli ingredienti da processare.

 

Contro

Molto scarto: L’umidità dei residui è molto alta, quindi per realizzare i succhi è necessario usare molta materia prima.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Elehot Centrifuga frutta e verdura professionale inox BPA Free  

 

Lavorare con frutta e verdure può dare grandi soddisfazioni, specie se si usano gli strumenti adatti per ottenere il massimo dalle loro caratteristiche. Usare delle ricette speciali può aiutare a trovare i giusti abbinamenti e le soluzioni perfette per rispondere al proprio gusto e alle necessità nutrizionali.

Qui vi proponiamo un buon modello realizzato in prevalenza in acciaio inox, con leva di sicurezza che blocca l’apertura del coperchio mentre la macchina è in funzione. Si tratta di uno tra i modelli più venduti e che maggiore apprezzamento riscuote tra gli utenti che lo scelgono nel vasto mare di prodotti disponibili. Le ragioni sono evidenti: è molto economico, gode di un motore potente ed è dotato di separatore di polpa automatico. Il filtro all’interno separa la parte fibrosa dal succo per ottenere un risultato limpido e poco schiumoso.

Il disegno delle lame è pensato per raggiungere i migliori risultati ottimizzando la resa della frutta, la loro inclinazione è studiata per rompere la frutta e la verdura ed estrarre così la maggiore quantità possibile di succo.

 

Pro

Due velocità: Si può impostare la rotazione delle lame perché raggiunga una velocità più contenuta, compresa tra 12 e 14mila rotazioni per gli alimenti morbidi, e da 16 fino a 18mila per quelli più duri.

Componenti facili da montare: L’assemblaggio delle varie parti è reso semplice e intuitivo dalla presenza di elementi trasparenti che velocizzano l’operazione.

Separatore di polpa: La fibra viene automaticamente separata dal succo grazie al filtro in acciaio inox che rappresenta una barriera efficace.

 

Contro

Non adatto a uso prolungato: Pur essendo dotato di sistema di raffreddamento, il motore tende a surriscaldarsi quindi non è adatto a un uso troppo intensivo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

6. Imetec Wellness JE Centrifuga filtro microforato

 

Imetec propone una soluzione dal design elegante e con una notevole attenzione per i particolari. Piace la possibilità di contare su un efficace filtro microforato che aiuta a separare bene la fibra dal succo così da ottenere un prodotto finale non torbido.

Si possono regolare le due velocità ottimali per il funzionamento in base alla consistenza di frutta e verdura. Utile la presenza del ricettario nella confezione che aiuta a trovare la giusta ispirazione per realizzare saporiti estratti mischiando ad arte i gusti degli alimenti freschi e di stagione.

Per quanto la ditta lo proponga come un vantaggio, qui l’imboccatura non è tra le più grandi rispetto alla maggior parte dei modelli venduti online. Sono appena 6,5 cm perciò è necessario intervenire tagliando la frutta e la verdura in pezzi per assicurarsi che entri tutto dentro il contenitore.

Del resto, questo elettrodomestico si caratterizza per potenza e dimensioni contenute, quindi è adatto all’uso domestico e meno intensivo.

 

Pro

Due velocità: Questo particolare è importante perché consente di dosare la forza impressa alle lame e così trasformare in maniera ottimale alimenti di consistenza diversa, limitando la produzione di scarti.

Design elegante: Il colore originale, la presenza del beccuccio antigoccia e la combinazione di plastiche trasparenti e parti in metallo inossidabile, rendono la centrifuga Imetec molto ben progettata.

Con leva di sicurezza: Questo elemento assicura la perfetta tenuta del coperchio e di tutte le componenti interne anche quando le lame girano a velocità particolarmente sostenuta.

 

Contro

Non adatto a uso intensivo: Questo modello non sopporta un uso prolungato senza rischiare di surriscaldarsi e rovinare il succo, ne è la prova anche la ridotta dimensione del contenitore, di appena mezzo litro.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Homgeek Centrifuga design anti-shake

 

Il funzionamento di una centrifuga è semplice: delle lame ruotano a velocità sostenuta per imprimere il movimento alla frutta che si separa dal succo. La polpa viene diretta verso il contenitore degli scarti e così è possibile consumare frutta e verdura in un modo diverso e di certo molto piacevole.

Qui abbiamo un motore mediamente potente ma in grado di sopportare carichi medio/lunghi di lavoro grazie al sistema di ventilazione del motore che contribuisce a tenerlo a temperature controllate. È importante, infatti, che la macchina non si surriscaldi per non compromettere la qualità del prodotto finale. Queste prestazioni, la centrifuga le ottiene rimanendo nella migliore classe di consumo elettrico la A+++.

Qui si può contare sulla combinazione frequente di cesto per la raccolta degli scarti di un litro e mezzo, mentre mezzo litro è per accogliere il prodotto della centrifuga. I contenitori in plastica sono certificati e sono assenti sostanze potenzialmente pericolose come il BPA. 

 

Pro

Rapida: In comparazione con altri modelli questo spicca per la particolare velocità con cui riesce a produrre il succo da bere fresco appena fatto. In appena 5 secondi si può gustare il prodotto finito e pronto per essere versato nei bicchieri.

Materiali solidi: Acciaio inox adatto al contatto con gli alimenti per il filtro e le componenti interne, plastica priva di BPA per i contenitori e motore con sistema di raffreddamento sono le caratteristiche essenziali di questa centrifuga.

Economica: Il prezzo è molto allettante e per questo vanta anche una nutrita schiera di ammiratori che ne raccomandano l’acquisto.

 

Contro

Mancano le istruzioni: Per quanto il montaggio preveda gli stessi passaggi che nelle altre centrifughe, chi non ha mai avuto questo tipo di accessorio prima potrebbe avere qualche difficoltà.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Ariete Centrika Metal Centrifuga compatta MOD 173

 

Tra le offerte da tenere in considerazione in vista di un acquisto c’è anche questo modello Ariete. Non spicca per il prezzo contenuto ma per la buona qualità complessiva, tanto per quanto riguarda la progettazione che per la realizzazione e la scelta dei materiali.

È dotato di ingresso abbastanza ampio per inserire buona parte degli ingredienti interi, il cosiddetto camino mela. Quindi non serve sminuzzare la frutta più grande come le mele o le arance.

La scocca è in parte in acciaio Inox, con elementi in plastica solida. Sono in metallo inossidabile tutte le componenti direttamente a contatto con gli alimenti. Quindi si possono lavorare ingredienti diversi, più o meno acidi o ricchi di fibra senza pregiudicare la qualità del risultato o la resistenza della centrifuga.

Conta su un motore piuttosto potente, ben 700W. Ma non è dotata di sistema di raffreddamento, quindi non è il caso di sforzarlo troppo. Meglio lavorare pochi ingredienti alla volta per ottenere un risultato gradevole e prolungare la vita utile della centrifuga.

 

Pro

Compatta: Le dimensioni non sono eccessive come capita invece ad altri modelli in commercio, eppure la resa è ottimale e consente di preparare fino a mezzo litro di succo alla volta.

Pulizia facilitata: A patto di non mettere nulla in lavastoviglie, la pulizia è semplice e non richiede particolare sforzo nemmeno per smontare e rimontare la centrifuga.

Camino mela: Con questa simpatica espressione ci si riferisce alla possibilità di inserire la frutta intera senza doverla tagliare in parti molto piccole.

 

Contro

Senza sistema di raffreddamento: Conta su un motore potente da 700 watt ma non è il caso di sforzarlo troppo perché si rischia di surriscaldare la frutta e affaticare il meccanismo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come scegliere una buona centrifuga per frutta

 

Per trovare la giusta centrifuga è bene farsi domande adeguate. Per esempio: quante persone si serviranno di questo prezioso elettrodomestico? Che tipo di ingredienti avete in mente di processare? E soprattutto, quanto spazio avete in casa? 

Anche questo è un aspetto da considerare perché le centrifughe non sono oggetti minuti. Inoltre, sono composti da tanti elementi che devono essere montati e smontati di volta in volta occupando spazio e che devono essere puliti con cura. Se la cucina è proprio piccola è il caso di valutare con attenzione quale soluzione si adatta alle proprie necessità.

Chi ha un’attività ristorativa, un bar oppure una piccola gastronomia può pensare di aggiungere questo servizio per i propri clienti. È importante sapere cosa aspettarsi da una buona centrifuga per proporre il miglior servizio.

Come funziona una centrifuga

A differenza dell’estrattore di succo, qui è una lama ad agire sulla frutta e la verdura. La sua rotazione, diversa anche dal classico frullatore o robot, è così rapida da imprimere una forte spinta agli ingredienti che per via della forza centrifuga si separano nella componente solida, la polpa, e quella liquida, il succo che si può bere quando si desidera.

La velocità che può raggiungere il gruppo delle lame deve essere regolabile, infatti è essenziale dosare la forza in base alla consistenza degli alimenti. Quelli più morbidi e ricchi d’acqua, come l’anguria o le arance, hanno bisogno di un trattamento meno potente rispetto a mele, carote o altri ingredienti dalla polpa più compatta.

Diversi elementi, come il sistema di filtraggio e i contenitori di scarto e di succo, si combinano per rendere la centrifuga efficace in ogni suo passaggio. La velocità, infatti, fa schizzare ovunque le particelle di frutta e verdura. Se il sistema di bloccaggio non è perfettamente ermetico si rischia di combinare un gran pasticcio sul piano di lavoro.

 

Che potenza deve avere una centrifuga

Per ottenere queste prestazioni le centrifughe hanno potenze variabili, le più piccole e compatte hanno una potenza di circa 300 watt, che possono arrivare a 1.000 watt nei modelli che si possono usare in contesti professionali.

Ma quel che conta è verificare che il vano che accoglie frutta e verdura sia abbastanza grande da poter processare tutti gli ingredienti desiderati in una volta. Altrimenti sarà utile suddividere il carico in modo da non sovraccaricare il motore.

Un elemento interessante da ricercare nelle centrifughe da usare con continuità è il sistema di raffreddamento del blocco motore. Questo dettaglio limita il surriscaldamento del gruppo cui sono fissate le lame e di conseguenza anche degli ingredienti da trasformare. Le vitamine contenute nella frutta sono sensibili alle alte temperature, anche per questa ragione è importante evitare di sovraccaricare la macchina per non perdere le proprietà nutritive dei succhi ottenuti.

Cosa fa un modello professionale

Un buon modello da usare in un’attività ricettiva deve sostenere bene il carico di lavoro continuo. Non tutti i clienti chiederanno una centrifuga nello stesso momento, ma se questo dovesse succedere è necessario accertarsi che l’elettrodomestico sia in grado di reggere lo sforzo.

I materiali giocano un ruolo importante per garantire buone prestazioni. Per esempio sono da prediligere quei modelli in cui viene fatto buon uso di acciaio inox compatibile col contatto alimentare.

Questo materiale ha il vantaggio di non temere l’usura, non logorarsi con il tempo e non perdere particelle durante il suo funzionamento. Dettagli essenziali da valutare quando si vuole usare con frequenza la centrifuga.

 

 

 

 Domande frequenti

 

Come fare una centrifuga di frutta?

Per ottenere il risultato desiderato è importante usare una buona centrifuga, infatti non basta filtrare un frullato per ottenere una bevanda simile. Quel che conta è scegliere una macchina adeguata, dalla potenza adatta all’uso che si immagina di fare di questo strumento.

 

Come funziona una centrifuga per frutta?

La centrifuga ha un gruppo di lame con un taglio particolare che cattura la frutta inserita e la sminuzza in piccolissime parti. Ma il vero obiettivo della centrifuga è separare la polpa dal succo degli ingredienti processati. Per riuscirci, il cestello ruota a una velocità tale da separare la parte liquida da quella solida grazie all’azione della forza centrifuga.

 

Come utilizzare gli scarti di frutta della centrifuga?

Ci sono tante ricette utili da seguire per ottenere buoni risultati con gli scarti della centrifuga. Più umida e ricca di succo rispetto a quello che si ottiene con un buon estrattore, questa parte del processo è perfetta per realizzare biscotti, torte e persino barrette energetiche. Non mancano in rete i consigli e i suggerimenti per sperimentare da sé la più adatta ai propri gusti e necessità.

 

Quale centrifugato di frutta aiuta a dimagrire?

Per dimagrire serve bilanciare la propria dieta e fare esercizio fisico. Detto questo, è possibile aiutarsi con ingredienti che favoriscono la disintossicazione dell’organismo e aiutano a reidratarlo. 

Tra gli ingredienti principe che non possono mancare in una buona dieta dimagrante di certo c’è l’ananas al naturale, il cetriolo, la mela e lo zenzero che hanno preziose proprietà utili per l’organismo. Ma è essenziale ricordare che una dieta variata e ricca di nutrienti essenziali è alla base di un buon metabolismo che non tende ad accumulare grassi in eccesso.

 

Quali ricette vanno bene per gli sportivi?

Ci sono tante ricette utili per gli sportivi, infatti le prime centrifughe erano proposte nei bar delle palestre più alla moda. La regola per gli sportivi è rimineralizzare e reidratare l’organismo dopo lo sforzo ginnico. Quindi frutta come le albicocche, i kiwi, ma anche anguria e pomodoro sono tra le fonti naturali più ricche di minerali per la salute muscolare.

 

 

 

Come utilizzare una centrifuga per frutta

 

Ci sono tante ricette e combinazioni già ben sperimentate che possono essere copiate per ottenere tutti i vantaggi di frutta e verdura direttamente per il proprio organismo. Ma nulla vieta di usare la centrifuga per realizzare succhi di frutta di stagione senza eccedere con le combinazioni più eccentriche. 

Vale la regola che esagerare con questi succhi può essere deleterio. Infatti si assumono concentrazioni più alte di zuccheri della frutta, principalmente quelli semplici. Questi possono far salire il picco glicemico altrimenti contrastato dall’assunzione di fibra.

Quale verdura scegliere per la centrifuga

Con la centrifuga si può usare indistintamente frutta e verdura per ottenere il risultato sperato, bilanciando i nutrienti oppure il sapore finale per ottenere un succo che sia prima di tutto salutare ma anche saporito. Qualche eccezione è presente, per esempio non è possibile centrifugare frutta troppo fibrosa, come il mango per esempio, oppure quasi senza liquidi come la banana. 

Anche per le patate si deve fare un’eccezione, del resto questo è forse l’unico ortaggio che non può essere consumato crudo per via della possibile presenza di solanina libera e non annullata dalla cottura. Questa sostanza naturalmente presente nelle patate o le melanzane è tossica e la sua assunzione potrebbe provocare gravi disturbi (senza contare che le patate crude non è che siano molto invitanti…).

Alcune centrifughe riescono a processare lo zenzero, altro alimento ricco di fibra che rallenta oppure ostacola l’azione delle lame. Ma quel che conta è spezzettarlo in piccoli pezzi per poterlo processare e così non rinunciare alle sue speciali proprietà.

 

Preparare centrifugati di frutta per bambini

I bambini possono essere invogliati al consumo di frutta e verdura cambiandone l’aspetto e rendendolo più goloso. Del resto, il colore e il profumo degli ingredienti si mantiene vivace e accattivante molto più che rispetto alla semplice frutta sbucciata e messa sul piattino.

Ai bimbi serve qualche stimolo per lanciarsi alla scoperta di nuovi ingredienti e sapori visto che il loro palato è in piena scoperta. Un vantaggio della centrifuga è di non dover aggiungere altri zuccheri come invece avviene quando si frulla la frutta nel frullatore. L’assenza di fibra rende subito disponibile lo zucchero presente nella frutta perché sia subito percepito dalla bocca.

Bisogna ricordare però che l’apporto di zuccheri deve essere controllato e limitato, specie per i più piccoli, e che i succhi così ottenuti possono avere un alto indice glicemico, più alto rispetto alla frutta consumata intera.

Come scegliere le ricette migliori

Il gusto personale rappresenta la migliore guida per scegliere le combinazioni preferite. Se ci si affida a un ricettario si potrà fare qualche esperimento partendo dai gusti già collaudati e quindi di sicuro successo. Quindi sarà più facile fare degli esperimenti accostando sapori inconsueti per vedere che effetto fa.

Il rischio, del resto, è molto controllato. Nella migliore delle ipotesi si scopriranno nuove combinazioni irresistibili di cui non sarà possibile fare a meno.

Un altro elemento da considerare è che mischiare verdure a foglia verde, ortaggi, e frutta, bilancia la presenza di zuccheri semplici rispetto al solo centrifugato di frutta. Quindi il risultato finale è ancora più efficace sul piano nutrizionale.

 

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS