Le proprietà del sedano e le ricette per gustarlo al meglio

Ultimo aggiornamento: 04.12.22

 

Il sedano è un alimento con tante proprietà che fanno bene al corpo: vediamo insieme quali sono e come utilizzarlo in una corretta alimentazione

 

Il sedano è un ortaggio ricco di proprietà molto utili al corpo, infatti è diuretico, aiuta il fisico a depurarsi ed è un valido rimedio contro la bronchite. Utilizzato molto comunemente in cucina, cresce spontaneamente in luoghi erbosi e paludosi e può arrivare anche a 80/100 cm di altezza. 

Le foglie sono caratterizzate da circa cinque segmenti con denti, di colore verde scuro, e un picciolo, che è la parte commestibile. Di questo elemento si usano anche i semi, i frutti e le radici: ci sono diverse specie di sedano, che si distinguono per colore, periodo di fioritura e anche per il metodo di conservazione.

Proprietà del sedano

I valori nutrizionali del sedano sono i seguenti, prendendone a esempio uno da 100 g

♦ Colesterolo 0 g

♦ Potassio 260 mg

♦ Acqua 95,43 g

♦ Proteine 0,69 g

♦ Carboidrati 2,97 g

♦ Grassi 0,17 g

♦ Fibre 1,6 g

♦ Vitamina C 3,1 mg

♦ Calorie 16

Viste proprio le calorie del sedano è possibile farlo rientrare tra gli alimenti che devono essere inclusi nelle diete ipocaloriche. Le coste di sedano hanno una grande quantità di potassio, fosforo, calcio, magnesio e vitamine C, E e K, ma anche qualcuna del gruppo B.

Le foglie, invece, contengono caroteni: di questo ortaggio, a scopo terapeutico, si usano anche le radici e i semi. Tra le proprietà del sedano c’è anche quella di proteggere il cervello, in quanto contiene la luteolina, un potente antiossidante, mentre dalle foglie è possibile estrarre un succo molto benefico.

Oltre alle già citate virtù diuretiche, questa pianta è utile a contrastare le bronchiti e il catarro e per depurare i reni e il fegato. Efficace come tonico intestinale, agisce contro il meteorismo, eliminando l’aria nella pancia. 

 

Sedano benefici

Vediamo ora nel dettaglio le caratteristiche di questo ortaggio. Prima di tutto il sedano è molto ricco di acqua e potassio, per cui ha grandi proprietà diuretiche: se state cercando un valido alleato contro la cellulite e la ritenzione idrica, questo è ciò che fa per voi. 

Non solo, in quanto agisce anche contro i calcoli renali e contrasta i disturbi epatici. Inoltre dà molti benefici anche all’apparato digerente, in quanto protegge la mucosa gastrica, riducendo la quantità di acidi prodotti, per cui è un alimento da assumere in caso di gastriti o anche per prevenire l’ulcera. 

I frutti e le foglie di sedano sono molto utili contro il meteorismo, in quanto aiutano a espellere i gas intestinali, facilitando la digestione. Si tratta inoltre di un ortaggio espettorante, quindi aiuta a contrastare tosse e catarro, in particolar modo se opera in unione a miele, zenzero e cannella.

Aiuta inoltre tutto l’apparato cardiovascolare, quindi è benefico per il cuore se viene consumato con una certa regolarità e contrasta il colesterolo alto, visto che è molto ricco di fibre. Contiene anche gli ftalidi, componenti che comportano un abbassamento della pressione.

Sedano come mangiarlo

Come ben sapete, il sedano è un ortaggio davvero molto diffuso nella nostra cucina, perché può essere aggiunto a tante preparazioni, come il sugo, le minestre, il brodo, l’insalata. Tuttavia diventa un ingrediente fondamentale anche per altri tipi di preparazione: va bene con il formaggio, con i legumi, i cereali e il pesce, del quale esalta il sapore.

Va a braccetto con le carote, le cipolle, i peperoni, il finocchio e il pomodoro, ma se avete acquistato da poco o volete comprare una centrifuga per frutta e verdura, potrete inserire il gambo di sedano per ottenere il succo.

Bere questo o l’estratto non potrà che farvi bene, viste le sue proprietà diuretiche e anche perché è ricco di minerali. Alcuni però non sopportano il suo sapore pungente, per cui potreste volerlo abbinare a qualcosa di più dolce, come il kiwi, lo zenzero o la mela.

Se volete sfruttare le sue proprietà digestive dovrete mangiarlo crudo prima di ogni pasto, mentre cotto, da solo, può essere realizzato al vapore o anche in padella.

 

Come conservare il sedano e quali controindicazioni ha

C’è un tipo di conservazione per ogni parte di questo ortaggio: le radici devono essere ripulite e fatte seccare al sole, dopo di che devono essere avvolte in un panno, mentre le foglie e le coste devono essere usate fresche. 

Per quanto riguarda i semi, questi devono essere conservati in barattoli di vetro e posti al riparo dalla luce. Se è vero che il sedano fa bene, come per tutti gli alimenti, ci sono alcune regole da rispettare se non si vuole cadere nell’errore.

Se, infatti, siete allergici a piante come la betulla, potreste esserlo anche al sedano; se, inoltre, avete un’insufficienza renale molto importante, è bene limitarne l’uso, visto che è un ortaggio molto ricco di potassio. 

Chi ha problemi a digerire, può prenderlo anche sotto forma di tisana, ma se assumete farmaci anticoagulanti, è bene che non lo mangiate con costanza, visto che potrebbe crearvi dei problemi. 

Quando dovete andare ad acquistare il sedano, sia che lo consumiate cotto, sia crudo, è bene accertarsi della sua provenienza: molti ortaggi e verdure, infatti, possono essere trattati con pesticidi, per cui la conseguenza sarebbe quella di inquinare il proprio corpo con dei veleni.

Se avete un fruttivendolo di fiducia, acquistate solo da lui e verificate in ogni caso che ci sia scritta al provenienza, in modo da essere sicuri sull’assenza di sostanze chimiche. 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS