Guida pratica alla scelta di una lavastoviglie professionale per un’azienda

Ultimo aggiornamento: 19.07.24

 

In questo articolo vi forniamo una serie di suggerimenti e indicazioni su come valutare le caratteristiche di una lavastoviglie professionale, così da scegliere senza il rischio di commettere errori. 

 

Il successo della vostra attività dipende anche dalla pulizia di bicchieri e piatti. Garantire che gli utensili non siano sporchi ma puliti e scintillanti è una decisione importantissima che può influire sulla reputazione del vostro ristorante. 

Che si tratti di un piccolo bar, di una caffetteria, di una grande cucina professionale di un ristorante, di un hotel, di un casinò, di una panetteria o di una scuola, la scelta di una tra le migliori lavastoviglie professionali, che si adatti perfettamente alle esigenze della vostra attività è una sfida.

A seconda delle vostre necessità, dovete valutare diversi aspetti importanti che determineranno come deve essere la lavastoviglie perfetta per voi.

 

Quanto avete bisogno di lavare ogni giorno o nei periodi di punta?

Le lavastoviglie sono disponibili con diversi livelli di potenza e più alta è la pressione, migliore è il lavaggio e più veloce il ciclo. 

Il fattore determinante sarà il numero di stoviglie che si possono lavare all’ora; il range va da circa 400 a 940 stoviglie all’ora per le lavastoviglie a cestello o fino a 3.600 stoviglie all’ora per le lavastoviglie a tunnel o a nastro.

 

Quale alimentazione elettrica (monofase o trifase) devo scegliere per la mia nuova lavastoviglie?

È facile stabilirlo guardando la targhetta dell’elettrodomestico stesso, per verificare che la presa di corrente di cui si dispone abbia una tensione sufficiente.

Nel caso sia non idonea, dovrete entrare nell’ordine di idee di adeguarla al fine di supportare il consumo di energia della lavastoviglie. 

 

Di quanta pressione dell’acqua avete bisogno? 

Di norma, è necessario un punto d’acqua con una pressione compresa tra 2 e 6 kg per cm. 

La lavastoviglie non sarà in grado di svolgere il suo lavoro al 100% se non si dispone del minimo indispensabile, quindi se non lo si possiede, è necessario installare una pompa a pressione.

Inoltre, il sifone deve trovarsi sotto il livello della macchina. In caso contrario, è necessario installare una pompa di drenaggio con un diametro minimo di 45 mm.

Di quale temperatura ha bisogno la lavastoviglie professionale?

È fondamentale prestare attenzione alle specifiche dell’apparecchio che descrivono il potenziale massimo di temperatura, perché non tutte le lavastoviglie possono raggiungere il livello in grado di soddisfare il requisito di temperatura minima per la sanificazione, che è di 70 gradi.

 

Alta o bassa temperatura per la lavastoviglie?

A seconda del modello e del ciclo di lavaggio, la temperatura dell’acqua in una lavastoviglie può variare da 50 a 80 gradi. Mentre alcune aziende preferiscono lavastoviglie ad alta velocità, altre possono trarre vantaggio da modelli a temperatura più bassa.

Le lavastoviglie ad alta temperatura lavano le stoviglie tra i 65 e i 70 gradi, le risciacquano a 80 gradi e le igienizzano con acqua calda. 

Le lavastoviglie a bassa temperatura lavano e risciacquano a 50-60 gradi ma, a differenza di quelle ad alta temperatura, devono utilizzare prodotti chimici disinfettanti insieme con l’acqua, perché questo range di calore da solo non è sufficiente per disinfettare. 

 

Dove acquistare una lavastoviglie professionale?

Su Ristoattrezzature troverete tutta la varietà di modelli, marche e caratteristiche che meglio si adattano alle esigenze e al vostro budget per la vostra cucina di un’attività commerciale. 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS