Il cibo vegano è costoso: non con questi consigli!

Ultimo aggiornamento: 21.04.24

 

Molte persone che passano a una dieta vegana sono confuse perché pensano che i prodotti freschi per la loro nuova alimentazione costino di più. In questo articolo vi daremo alcuni preziosi consigli che vi mostreranno come mangiare vegano, sano e risparmiare allo stesso tempo. Perché mangiare sano non è un gioco d’azzardo come in un live casinò, ma una decisione e può essere pianificata in modo da avere sempre a disposizione cibo “healty” e non ripiegare sui fast food. Inoltre, vi consigliamo di informarvi sulle offerte corrispondenti, perché vi aspettano molte grandi occasioni all’interno dell’area vegana.

 

Il cibo vegano non deve essere necessariamente costoso

Naturalmente, il cibo vegano può essere più costoso in frigorifero, ma tutto dipende dalle vostre abitudini di consumo. Se scegliete un’alimentazione sana e sostenibile, pagherete di più la frutta e la verdura, ma si manterranno fresche più a lungo e avranno ingredienti preziosi che i prodotti refrigerati o le zuppe pronte non hanno. Il fatto che si investa di più in cibo dopo aver cambiato la propria dieta in vegana dipende comunque sempre dalle abitudini di acquisto precedenti.

Se prima acquistavate solo prodotti pronti, ora dovrete probabilmente spendere di più per quelli freschi. Se prima di cambiare dieta acquistavate già alimenti biologici freschi e sostenibili, l’eliminazione di carne, latte, uova e formaggio potrebbe addirittura farvi risparmiare.

 

Lo sport e la dieta giusta per perdere peso

È indiscutibile che una dieta vegana sana può aiutare a perdere peso perché si eliminano molte proteine e grassi animali. Tuttavia, a questo si aggiunge l’obbligo di fare esercizio fisico. L’esercizio fisico non solo aiuta a perdere peso, ma aiuta anche a contrastare tutti i tipi di malattie come la gotta, l’obesità, il diabete mellito di tipo I, il diabete mellito di tipo II e l’usura delle articolazioni… nonché la pigrizia!

Se volete fare qualcosa di buono per voi stessi e per il vostro corpo, prestate attenzione a una dieta sana e fate regolarmente esercizio fisico. Non deve essere necessariamente uno sport agonistico o una maratona, spesso è sufficiente mezz’ora di jogging al giorno, un giro in bicicletta o un’ora di nuoto tre volte alla settimana in un lago o in una piscina coperta.

 

Prodotti di base a base vegetale

Le diete a base vegetale sono molto popolari ed è per questo che l’industria si sta attrezzando per offrire sempre più sostituti vegani. Sebbene questi prodotti pratici facilitino l’avvio di una dieta di questo tipo, non dovrebbero dominare il vostro menu. Preferite invece cucinare voi stessi e in modo fresco, così risparmierete costosi prodotti vegani già pronti che potrebbero non soddisfare affatto i vostri gusti.

Gli alimenti di base come riso, patate, pasta vegana, fagioli e verdure fresche non devono necessariamente costare molto. Anche i dolci sono possibili nella dieta vegana, quindi non dovete rinunciare a nulla. Sta a voi decidere se acquistare tutto ciò che vi serve nel negozio di alimenti naturali o nel discount. Se volete risparmiare, un discount è più adatto di un costoso negozio di alimenti naturali. Ricordate: non tutti i prodotti che riportano la dicitura “biologico” sull’etichetta sono effettivamente biologici. A questo punto va detto che anche gli alimenti vegetali di base sono più economici nei negozi biologici, perché quasi non vengono lavorati.

 

È la quantità maggiore a fare la differenza

Gli alimenti che si usano spesso per cucinare e che hanno una lunga durata di conservazione dovrebbero essere acquistati in quantità maggiori. Le confezioni di lenticchie, riso o pasta più grandi sono molto più economiche di quelle più piccole. Un altro buon consiglio è quello di sfogliare le brochure dei supermercati e acquistare diverse confezioni di un prodotto a lunga conservazione quando è in offerta.

Cucinare fresco è metà dell’opera

Risparmierete un sacco di soldi se cucinerete da soli ogni giorno invece di andare al ristorante vegano per pranzo o cena. Il vantaggio è anche quello di sapere esattamente cosa è stato cucinato nel vostro piatto. Preparate di più la sera, in modo da poter portare il resto al lavoro o all’università il giorno dopo. Potete anche prepararne molto di più e congelarlo in porzioni. I frullati e le creme spalmabili confezionati sono molto più costosi al supermercato e generano più plastica che se li preparaste voi stessi.

 

Acquistare prodotti locali e di stagione

Se avete deciso di diventare vegani, vorrete fare la differenza in termini di sostenibilità e cambiamento climatico. Acquistare angurie o fragole in inverno contribuisce negativamente al cambiamento climatico, poiché la coltivazione e il trasporto di alimenti non stagionali producono molte emissioni di CO₂. Sostenete invece l’agricoltura locale acquistando prodotti freschi di stagione e cucinandoli in piatti gustosi.

 

Organizzate la spesa con una lista della spesa

Scrivete su un quaderno gli alimenti e le spezie vegane che stanno per finire e controllate la vostra dispensa per vedere se manca qualcosa. Annotate tutto ciò che vi serve spesso e tutto ciò che sta per esaurirsi. Se vi attenete scrupolosamente alla vostra lista quando fate la spesa e acquistate solo articoli occasionali e spontanei, risparmierete sul vostro bilancio familiare.

Se fate la spesa in modo indiscriminato senza una lista della spesa, rischiate di accumulare molte più scorte che non riuscite a utilizzare e che poi scadono o ammuffiscono e quindi devono essere buttate via. Con una lista della spesa si lavora secondo il “principio dello spreco zero”. Se non siete sicuri, consultate il “Principio zero sprechi” e scoprite come fare la spesa senza sprechi a un prezzo ragionevole.

 

Privilegiare l’alimentazione

Sappiamo che non tutti i consumatori vegani dispongono di un budget illimitato per acquistare alimenti freschi. Ecco perché è perfettamente ragionevole fare un acquisto economico. Mangiare sano è assolutamente una questione di priorità e in molti casi conviene investire consapevolmente in prodotti biologici più costosi, perché non vengono spruzzati e trattati con pesticidi. Questi ingredienti vengono assorbiti attraverso la buccia e quindi entrano nel vostro fisico. Avete la possibilità di acquistare prodotti come pere e mele, che si mangiano con la buccia, nei negozi di alimenti naturali e altri prodotti come banane, kiwi o ananas nei discount.

Un cambiamento a lungo termine e sostenibile nella vostra dieta porterà a uno stile di vita più sano. Se acquistate e mangiate solo cibi pronti a basso costo, risparmierete molto denaro, ma dovrete spenderlo in cure, farmaci e fisioterapia se vi verrà l’obesità o il diabete causati dalla dieta. Se si acquista a basso costo… si acquista a caro prezzo.

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS